amarilloart gallery1
amarilloart gallery2
amarilloart gallery3
amarilloart gallery4

Francobollo per i 100 anni di Tonino Guerra12 dicembre 2020
Emissione del francobollo celebrativo per i 100 anni di Tonino Guerra

Nella giornata di oggi, 12 dicembre, viene emesso il francobollo per celebrare i 100 anni di Tonino Guerra.
AmarilloArt e Mario Alvarez continuano con le iniziative per rendere omaggio a questo grande artista. 
Pubblichiamo per l’occasione l’articolo di Mario Alvarez che compare sull’ultimo numero della rivista “L’informazione del Collezionista” che esce proprio oggi in concomitanza con l’emissione del francobollo.

 

Tonino Guerra: 100 anni di poesia, cinema, arte e natura.

Fra gli anniversari di questo 2020, uno speciale è quello che ricorda i 100 anni di Tonino Guerra, poeta, sceneggiatore, artista poliedrico, amante della vita e della natura.


Tante le iniziative per questo centenario che, a causa dell’emergenza sanitaria, sono in alcuni casi slittate.

Francobollo per i 100 anni di Tonino GuerraAnche l’emissione del francobollo celebrativo, appartenente alla serie tematica “le Eccellenze italiane dello spettacolo”, era inizialmente prevista per il 16 marzo scorso, in coincidenza con la sua data di nascita. Arriva invece agli sportelli di tutto il territorio nazionale il 12 dicembre. Con tiratura di cinquecentomila pezzi e foglio da 45 esemplari, il francobollo è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato. La vignetta riproduce un ritratto fotografico dell’artista (per la foto © Aris Papadopoulos). Completano il francobollo la legenda “TONINO GUERRA” , le date “1920 – 2012” la scritta “ITALIA” e l’indicazione tariffaria “B”.

Tonino Guerra nasce a Santarcangelo di Romagna. I primi versi che scrive durante la prigionia in Germania nel 1944, che poi confluiranno nella sua prima raccolta di poesie, sono in dialetto romagnolo.

Si può dire che sia stato il poeta del cinema italiano. Non solo per i tanti libri di poesie, racconti, romanzi che ha donato al mondo, scritti in una lingua antica e nuova, colta e popolare insieme, ma anche perché quella lingua unica e quelle atmosfere magiche le ha portate nei film di alcuni dei più grandi registi di sempre, come Antonioni, Monicelli, Petri, Rosi, i fratelli Taviani, Anghelopoulos, Tarkowskij e Fellini.


Dopo aver vissuto a Roma, nel 1984 fa ritorno in Romagna e sceglie di vivere nel piccolo borgo di Pennabilli. Qui dà vita a numerose installazioni artistiche, mostre permanenti che trasformano l’antico borgo in un museo diffuso e prendono il nome de I Luoghi dell’anima. Fra questi vi è L’Orto dei frutti dimenticati, il giardino che ha creato nel 1990: una “raccolta” per recuperare antichi alberi da frutto appartenenti alla flora spontanea delle campagne appenniniche che vanno scomparendo. Da qui partirà l’idea di un nuovo modo di coltivare e consumare i frutti della terra. Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, riconosce «come tutti i movimenti di tutela del mondo e della terra siano partiti dall’Orto dei Frutti Dimenticati di Tonino Guerra».
Sue opere sono presenti anche in altre città, come L’albero della chiarezza a Forlì e La Cattedrale delle Foglie e delle piante contadine a Cesenatico, l’ultimo progetto artistico di Tonino, realizzato dallo scultore Aurelio Brunelli. Tutti questi interventi lo rendono non solo interprete, ma anche sceneggiatore del territorio dell’Emilia Romagna e custode della natura.

Muore a Santarcangelo il 21 marzo 2012, in coincidenza con la celebrazione della Giornata Mondiale della Poesia, ma le sue ceneri riposano a Pennabilli, incastonate nella roccia al di sopra della sua Casa dei Mandorli da cui si ammira tutta la vallata, nel luogo in cui ha vissuto gli ultimi 25 anni e di cui ha detto «è il posto dove trovi te stesso!».

Concludo con un racconto personale. Lo scorso agosto ho avuto il piacere di visitare la moglie di Tonino, Lora, nella loro casa di Pennabilli. Parlare con Lora, mi ha fatto tornare alla memoria l’ultimo incontro con Tonino, 10 anni fa a Verona, quando non solo è stato festeggiato il suo 90° compleanno, ma ha ricevuto la Medaglia e il Diploma d’Onore dell’Accademia Mondiale della Poesia e l’omaggio di varie personalità, come Wim Wenders e i compianti Andrea Zanzotto e Sergio Zavoli.

Mario Alvarez con Lora Guerra nella “Casa dei Mandorli” a Pennabilli
Mario Alvarez con Lora Guerra nella “Casa dei Mandorli” a Pennabilli - agosto 2020. 

Parlare con Lora è come stare con Tonino. E fra i tanti oggetti nella loro casa che raccontano di lui, abbiamo ritrovato il mio regalo per i suoi 90 anni: una mia scultura dal titolo Il Mate dei poeti del Sud America che gli avevo consegnato a Verona accompagnato da un tango di Piazzolla (Tonino amava molto il tango), eseguito da Mario Stefano Pietrodarchi al bandoneon, e Luca Lucini alla chitarra.

Ascoltare Lora che parla di Tonino è come rivivere tutta la sua biografia. E continuando il percorso dalla casa, attraverso i mandorli, per arrivare alla roccia dove lui riposa, vedo lo sguardo e la meraviglia di Lora quando una farfalla mi volteggia intorno e si posa sulla mia mano. E spontaneamente cita la poesia di Tonino La farfalla, che per me è quella che più lo rappresenta: «Contento, proprio contento / sono stato molte volte nella vita / ma più di tutte quando / mi hanno liberato in Germania / che mi sono messo a guardare una farfalla / senza la voglia di mangiarla.»

Il 26 e 27 settembre si è svolta a Pennabilli l’annuale Festa degli Antichi Frutti, voluta da Tonino 13 anni fa e che quest’anno è stata dedicata al suo centenario. Tante le personalità intervenute che hanno testimoniato l’importanza di mantenere viva l’eredità di Tonino. Anche io ho partecipato, portando un dono per l’Orto dei frutti Dimenticati: un pioppo bianco, un’opera vivente che ho chiamato L’Albero dei Valori Ritrovati, come quelli che ci ha lasciato Tonino.

Mario Alvarez © 12 dicembre 2020


Festa degli Antichi Frutti di Pennabilli 2020
Pennabilli, Festa degli Antichi Frutti, settembre 2020: da sinistra Alice Parma (Sindaco di Santarcangelo), Luca Cesari (direttore dell’Accademia di Belle Arti di Urbino), Andrea Guerra (compositore, figlio di Tonino), Lora Guerra (moglie di Tonino), Mauro Giannini (Sindaco di Pennabilli), Mario Alvarez (artista e autore dell’articolo), Graziano Pozzetto (giornalista, scrittore, gastronomo), Carlo Petrini (Presidente di Slow Food).

 

Sacro Urbano

Progetto itinerante
di Mario Alvarez

Online gallery

Rassegna stampa

La rassegna stampa di AmarilloArt

Il Libro della Terra

L’Albero dei Desideri

albero_dsideri_2012

AmarilloArt

AmarilloArt è un’associazione, un laboratorio culturale, che promuove l’arte e la creatività in tutte le sue forme.
Oltre alle attività e alle iniziative artistiche organizzate da AmarilloArt Gallery, si occupa della diffusione e dell’approfondimento di notizie culturali con AmarilloArt Magazine, della promozione di iniziative legate al libro e alla letteratura con AmarilloArt Letteratura e di tante altre attività, che troverete in parte documentate in questo sito.  [Condizioni d’uso e Privacy]  [Cookie Policy]


 

Contatti

 
Scrivici a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
 
+39 05221601249

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.