magazine1
magazine2
magazine3

Klee e Agueli a StoccolmaStoccolma, fino al 24 aprile 2016
Nel 1914, Paul Klee andò in Tunisia e scoprì di essere un pittore. Lo stesso anno, Ivan Aguéli intraprese il suo terzo soggiorno in Egitto, il paese che formò le sue idee sulla vita e sull’arte. Pittore, anarchico, sufi e viaggiatore, la vita di Aguéli è essa stessa un romanzo. Klee e Aguéli non si sono mai incontrati, ma sono presentati insieme in questa mostra sui due artisti e sul loro rapporto con i fondamenti dell’arte visiva: la scelta dei soggetti, l’atto creativo e le qualità dell’immagine.



I pittori Paul Klee (1879-1940, Svizzera) e Ivan Aguéli (1869-1917, Svezia) hanno vissuto e lavorato in un momento in cui la società moderna occidentale cominciava a prendere forma. Mentre treni e macchine di ogni tipo acceleravano la vita e i viaggi, questi due artisti hanno preferito soffermarsi con lo sguardo, alla ricerca della “quarta dimensione” (Aguéli), o “un altro mondo possibile” (Klee), per essere in contatto con la natura e gli oggetti nelle loro immediate vicinanze.
Le opere presenti in questa mostra - complessivamente 86 dipinti e disegni - possono essere riassunti con le parole chiavi creazione, forma, angelo, segno e giardino. Il fenomeno sorprendente di qualcosa che spunta fuori dal terreno ha affascinato entrambi gli artisti. Così completamente ordinario e banale, eppure mistico e divino.


Klee e Aguéli potrebbe essere scambiati per reazionari, eccentrici o reclusi. Ma questo è sbagliato. Hanno mantenuto uno stretto dialogo con la società moderna: entrambi erano intellettuali e critici colti. Aguéli ha pubblicato riviste e Klee ha insegnato presso la scuola Bauhaus di architettura e arti. I loro viaggi, le loro osservazioni della natura, l’intimità dei loro piccoli dipinti, e la loro lenta contrarietà non erano motivati da evasione o nostalgia, ma dai loro punti di vista su come, e con quali valori, l’umanità deve affrontare il presente e incontrare il futuro.
In un mondo che doveva essere segnato da due guerre mondiali, Paul Klee ha cercato di “ottenere una felice associazione tra la [sua] visione della vita e il puro artigianato artistico” e di raggiungere la massima libertà possibile attraverso la contemplazione, la fantasia e il gioco. Ivan Aguéli ha cercato di fondere l’arte, la religione e la realtà, per trovare un’alternativa alla “sordida età” occidentale. La fascinazione per l’anarchismo anti-totalitario e il misticismo gli hanno ispirato lunghi soggiorni al Cairo, la sua successiva conversione all’Islam nel 1898 e gli studi intensi del Sufismo - il percorso più spirituale dell’Islam, che sottolinea l’amore e la vicinanza a Dio.
Non fa differenza se lo chiamiamo spiritualità, immaginazione o gioco. Quando i due artisti entrano in contatto con la realtà attraverso il movimento ritmico del pennello contro lo sfondo, ciò che avviene non è rappresentazione, ma una metamorfosi da oggetto a immaterialità. La mostra Klee / Aguéli è su come un dipinto di un giardino o di un boschetto di palme possono costituire un atto di resistenza. Nella nostra epoca turbolenta, è un promemoria del grande potenziale poetico e politico che può essere integrato in un piccolo quadro dipinto.
Il curatore della mostra è Fredrik Liew.

Paul Klee a Stoccolma
Paul Klee , Kairuan, vor dem Thor, 1941. Photo: Moderna Museet.

Paul Klee a Stoccolma
Paul Klee, Steps, 1929. Photo: Prallan Allsten/Moderna Museet.

Ivan Agueli a Stoccolma
Ivan Aguéli, The City in the Hills (Egyptian Landscape), ca 1895.
Photo: Juan Luis Sánchez/Moderna Museet.

Ivan Agueli a Stoccolma
Ivan Aguéli, Egyptian Domed House, 1914. Photo: Juan Luis Sánchez/Moderna Museet.

 
Info

Klee/Aguéli
dal 16 gennaio al 24 aprile 2016
Moderna Museet
Stoccolma

www.modernamuseet.se

 

Sacro Urbano

Progetto itinerante
di Mario Alvarez

Online gallery

Rassegna stampa

La rassegna stampa di AmarilloArt

Il Libro della Terra

L’Albero del Libro

arbol del libro

AmarilloArt

AmarilloArt è un’associazione, un laboratorio culturale, che promuove l’arte e la creatività in tutte le sue forme.
Oltre alle attività e alle iniziative artistiche organizzate da AmarilloArt Gallery, si occupa della diffusione e dell’approfondimento di notizie culturali con AmarilloArt Magazine, della promozione di iniziative legate al libro e alla letteratura con AmarilloArt Letteratura e di tante altre attività, che troverete in parte documentate in questo sito.  [Condizioni d’uso e Privacy]  [Cookie Policy]


 

Contatti

 
Scrivici a info@amarilloart.es
 
 
+39 05221601249

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.